PASTORI D’ARIA

PASTORI D’ARIA

7 Febbraio 2006 0 di Timoteo Lauditi

Continuano a belare in silenzio
ovini scarni dentro, coi loro 
agnelli bianchi in cerca di riparo. 
Aspettano la voce di pastori
occupati a colpire l’aria,
dediti a giocare con il bastone,
a trascorrersi col can pastore.

Basterebbe un po’ d’ombra
un luogo un po’ più irriguo;
uno sguardo comprensivo;
un sostegno per un attimo.

Invece nulla. Aria. Banalità.
A forza pascono le greggi
affaccendati sui loro seggi.
Invasi di gloria e di potere 
o assorbiti dai loro affari;
non li sentono nemmeno, 
i belati laconici di chi ansima.

Assenti attraversano i branchi
come fossero aria. Inciampano
su una bestia caduta; e son pronti
a mandare il cane e il bastone.
“Che si rialzi, magra e pigra!”
O simulano dolore, troppo tardi.

Con le parole involucrano l’aria
senza dar loro corpo né spirito.
Spandon frecciate e freddure
o solo indifferenza e distacco.
Non ricordano Colui che li sorveglia?

Il Gran Pastore tornerà con forza;
pascerà le Sue pecore con cura.
Le prenderà in braccio e le proteggerà.
Fino ad allora, o Dio, concedi potenza.

Timoteo Lauditi, 7 febbraio 2006
Tutti i diritti riservati

Please follow and like us: