IL PROFUMO DELLE MELE

IL PROFUMO DELLE MELE

17 Agosto 2019 0 di Timoteo Lauditi

Una romantica poesia dedicata ad un’amica estrosa, costruita sul suo nome.


IL PROFUMO DELLE MELE

Contemplo un’amica il cui nome
Ha il suono d’un provenzale canto
Antico, di quelli intonati
Nelle campagne le sere d’estate.
Temporali allontanati dal vento
Accendono i canti di gente della
Loira, canti della mietitura,

per il dolce profumo delle mele
che riempiono ormai lisi panieri,
e la raccolta di rosse ciliege
come il rossetto che lei spesso
con ardita finezza indossa.

Ama vestire con scelta eleganza
colori e capi con briosa sobrietà
indossando allegrezza ed esultanza
senza perdere imo e serietà.
Ha i figli del sole negli occhi
e un sorriso pieno di fiori
che a volte l’aiuta a celare
quel po’ di vento che ha nel cuore.

È questa l’emozione che sprigiona
quando entra in scena in compagnia
con l’odore d’erba appena recisa
e il profumo nell’aria d’amicizia.
Il suo nome obbliga al canto,
due sillabe aperte da un sussurro
che esortano un ammirante silenzio,
e che su di lei si posa d’incanto.

Timoteo Lauditi , 17.8.2019

Tutti i diritti riservati
Timoteo Lauditi